Palermo: furto di energia elettrica, 3 arresti

Tre persone sono state arrestate dai Carabinieri di Piana degli Albanesi e di Santa Cristina Gela, nel palermitano, con l’accusa di furto di energia elettrica. I militari di Piana, coadiuvati da tecnici Enel, durante il controllo hanno accertato che Roberto Fazio, giostraio 42enne, ha sottratto indebitamente energia elettrica al fine di alimentare sia il parco giostre che la roulette in cui dimorava senza la presenza del contatore che registrasse gli effettivi consumi. Inoltre dall’allaccio diretto alla rete pubblica, realizzato mediante cavi volanti non idonei a supportare gli intensi flussi di energia elettrica, sarebbero potuti scaturire incendi per sovraccarico o corto circuito magari mentre le giostre erano affollate da bambini, come sottolineano i militari dell’Arma. Fazio sottoposto al rito direttissimo e’ stato condannato a 4 mesi di reclusione e 300 euro di multa con pena sospesa. I Carabinieri di Santa Cristina Gela, durante gli stessi controlli hanno arrestato: Giovanni Di Miceli, 62 anni e Antonia Cricchio, 54 anni perche’ alimentavano le proprie abitazioni senza la presenza di alcun contatore e di conseguenza non era mai stato stipulato alcun contratto con la societa’ Enel. Sara’ adesso l’ufficio commerciale degli stessi tecnici controllori a quantificare l’importo evaso dai due e da quando il furto ha avuto inizio. L’uomo, e’ stato condannato ad 1 anno 1 mese e 5 giorni di reclusione e 140 euro di multa, che dovra’ scontare a sentenza passata in giudicato, mentre la donna a 4 mesi e 300 euro di multa, con pena sospesa.