Nota di Laratta (Pd) al Ministro della Giustizia: “il Tribunale di Rossano è vitale per un intero territorio. Non si parli di soppressione”

Il deputato del pd Franco Laratta, ha chiesto al Governo di mantenere in vita il Tribunale di Rossano. “Non si tratta di un tribunale ‘minore’ nè di un tribunale con scarso carico di lavoro“!

Ma, per l’on Franco Laratta, sono diverse le ragioni per mantenere in vita il tribunale jonico:

A) ESTENSIONE DEL TERRITORIO E NUMERO DEGLI ABITANTI

Il circondario del Tribunale di Rossano ha una superficie di circa Kmq. 1.500,00, superiore anche a quelle di alcune province italiane, e una popolazione di oltre 130.000 abitanti; esso comprende n. 20 Comuni, tra cui i Comuni di Rossano e Corigliano Calabro con una popolazione complessiva di circa 90.000 abitanti.

B) CARICHI DI LAVORO

i carichi di lavoro di Tribunale e Procura sono altamente rilevanti: il numero complessivo degli AFFARI PENALI pendenti è di 6.065.

Il numero complessivo degli AFFARI CIVILI pendenti è di 15.765

Il carico complessivo di lavoro del TRIBUNALE è pertanto di n. 21.830 procedimenti.

Per quanto riguarda la PROCURA DELLA REPUBBLICA, i procedimenti pendenti sono in n. di 3.486

C) SPECIFICITÀ TERRITORIALE DEL BACINO DI UTENZA:

SITUAZIONE INFRASTRUTTURALE
La distanza tra Rossano e Cosenza è di circa 120 Km; vi sono solo due treni che permettono di raggiungere Cosenza in tempo utile per le udienze, con l’impiego di circa ore 1,45, e con partenza nelle primissime ore della mattinata; per Cosenza vi è un solo autobus di linea.
Nel circondario sono presenti due densissime ed avviatissime zone industriali, con migliaia di dipendenti e vi è una rilevante presenza di extracomunitari, dediti interamente all’attività agricola.
TASSO DI IMPATTO DELLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATANel Circondario di Rossano vi è una micro e, soprattutto, una macro criminalità diffusa, gestita da cosche mafiose, operanti, soprattutto, nei territori di Rossano, Corigliano Calabro, Mirto Crosia e Cariati, che impone la presenza di un presidio atto ad assicurare la presenza dello Stato.

Il bisogno di giustizia è molto forte e sentito in un’area difficile come quella di Rossano- Corigliano. Ed è per questo motivo che si chiede di mantenere in vita il suddetto tribunale”