Messina. Striscia la Notizia denuncia allevamento abusivo, il proprietario li caccia col fucile

Immagini pesanti per la città di Messina quelle andate in onda ieri sera a “Striscia la Notizia”. Poco edificanti per il comune senso civico, ancor più deplorevoli per gli amanti degli animali. L’inviato Edoardo Stoppa, il difensore degli amici a quattro zampe, ha portato alla luce le condizioni di degrado in cui erano detenuti diversi tipi di animali, in una sorta di simil-allevamento creato sotto uno dei ponti dell’autostrada che attraversano il villaggio di Santa Margherita. Mucche, pecore, cani e conigli, vivevano rinchiusi in mezzo al fango e alla melma. Legati con catene alle zampe, impossibilitati a qualsiasi movimento. L’inviato ha cercato di chiedere spiegazioni al proprietario dei recinti, che però per tutta risposta, ha dapprima ricoperto di insulti Stoppa, e successivamente ha ben pensato di imbracciare un fucile per mettere in fuga gli indesiderati ospiti. Compresa la pericolosità della situazione la troupe di Striscia non ha avuto altre alternative se non quella di salire di corsa in auto e prendere il largo.