Messina: Atm, la Breda attua il pignoramento

Per l’ATM arriva una nuova mazzata: il pignoramento per conto della società fornitrice di autobus Breda, creditrice nei confronti dell’azienda trasporti messinese di una somma totale di 1,8milioni di euro. La rivalsa per il recupero del cradito da parte della Breda, va ad aggiungersi agli arretrati da pagare ai lavoratori, e le inchieste giudiziarie.
I pignoramenti sono la conseguenza diretta della messa in liquidazione della società imposta contro il nostro parere e quello di gran parte delle forze sociali, dal sindaco Buzzanca”,  commenta Pino Foti, segretario generale della Filt. “Logica vuole che a questo punto arriveranno anche i pignoramenti da parte delle altre aziende insolute”, osserva il dirigente sindacale che indica, per esempio, il settore del rifornimento gasolio. “Un dramma questo per l’ATM che si trova bloccata in ogni sua mossa”.
Foti evidenzia però il nodo personale e retribuzioni. “Come potrà ora l’ATM procurarsi il denaro per gli stipendi? – si interroga Foti -. Senza rischiare di fare previsioni buie, i lavoratori non riusciranno a prendere né lo stipendio di marzo, né quello di aprile che i primi fondi disponibili saranno il milione e centomila euro del Comune del prossimo maggio”. La Filt ipotizza dunque che fino al prossimo maggio l’ATM non potrà pagare gli stipendi, correnti e arretrati, e lascerà i lavoratori indietro di tre mensilità. “Sebbene cercherà di scaricarla ancora una volta sulla Regione, la responsabilità di questa situazione è interamente da addebitare al sindaco Buzzanca che ha tenacemente perseguito la liquidazione dell’ATM contro tutto e tutti ravvisandovi non comprendiamo quale esito positivo. Di certo – conclude Foti – c’è solo il fatto che dal suo insediamento non solo non è riuscito a risolverne i problemi pur avendovi inviato uomini di sua personale fiducia, ma adesso le sue scelte la stanno traghettando verso un’impasse irreversibile che ricadrà interamente sulle spalle dei lavoratori e dei messinesi”. Per affrontare, ancora una volta il nodo ATM, il commissario Alligo ha convocato i sindacati per giorno 30 Aprile, ma pare che i rappresentanti sindacali non abbiano intenzione di partecipare.