Lunedì all’Unical arriva la macchina solare che sta facendo il giro del mondo

Farà tappa all’UniCal, lunedì 30 aprile, la SolarWorld GT, vettura ad energia solare nata da uno sforzo congiunto del produttore americano di pannelli solari SolarWorld e dell’Università di Scienze Applicate di Bochum in Germania, università legata all’UniCal da un accordo di scambio per il rilascio di una doppia laurea. La Solar Word Gt, che è dotata di due posti a bordo ed è alimentata, ovviamente, dalle sole celle solari integrate nel tetto, è partita nei mesi scorsi da Darwin, in Australia e dopo aver percorso, tra Australia e Nuova Zelanda, le prime 3100 miglia ha realizzato nelle scorse settimane un lungo tour negli Stati Uniti. Proprio da questo Paese, l’ auto ad energia solare arriverà a Cosenza per proseguire il suo cammino, attraverso la Francia, fino in Germania.
La SolarWorld Gt mira a realizzare un viaggio attorno al mondo con un record di percorrenza di circa 21.000 miglia, la distanza più lunga mai percorsa da una vettura alimentata dal sole. L’automobile vanta un’efficienza delle celle del 29,2%, una potenza di picco del suo tettuccio fotovoltaico di 823 W, un peso di soli 260 kg ed un design performante, altamente aerodinamico. Un concentrato di tecnologia , insomma, che permette a questa auto di raggiungere i 100 km/h, facendola diventare un modello di riferimento per la costruzione in serie di veicoli a propulsione pulita. In merito Kevin Kilkelly, Presidente di Americas SolarWorld, principale sponsor dell’iniziativa, ha dichiarato: «La SolarWorld GT è un ambasciatrice del trasporto personale sostenibile, ricordandoci che il potere di cambiare le nostre abitudini di guida portandole lontano dai combustibili fossili sporchi è alla nostra portata. L’energia pulita dal sole è lì per essere utilizzata, senza esaurire le ricchezze della terra».
La Solar Car sarà presentata, lunedì 30 aprile, alle ore 11, allo University Club, da una delegazione di studenti dell’Università di Bochum che fanno parte del team che ha progettato e sviluppato il progetto. L’iniziativa è promossa dall’Ata Calabria (Associazione tecnica dell’automobile) e dal Dipartimento di Ingegneria, Meccanica, Energetica e Gestionale dell’Unical.