Catanzaro: Tommaso P., il giovane disperso da giorni, potrebbe essersi suicidato perchè disoccupato

Potrebbe nascondersi una storia di disperazione per l’impossibilita’ di trovare un lavoro dietro la scomparsa di Tommaso P., il giovane di 28 anni di cui si sono perse la tracce da ieri sera a Gimigliano, piccolo centro alle porte di Catanzaro. Il giovane e’ precipitato dal ponte Corace, a poche centinaia di metri dal centro abitato, mentre si stava recando nel mulino del nonno, scomparso da alcuni anni. Tommaso ci aveva lavorato quando era adolescente e ci tornava spesso perche’ quel posto gli piaceva e gli ricordava il nonno. I carabinieri, che stanno svolgendo le indagini, al momento si mantengono cauti e non confermano neppure, in mancanza di riscontri, l’ipotesi del suicidio sottolineando il fatto che il giovane non aveva mai manifestato propositi di questo tipo. La scomparsa di Tommaso, pero’, appare assolutamente inspiegabile ed e’ credibile che il giovane possa essersi tolto la vita. Ad infittire il mistero e’ anche il fatto che la mamma del giovane ha riferito ai carabinieri di avere ricevuto ieri sera attorno alle 19.30 una telefonata del figlio che le ha detto di essere caduto e le chiedeva di avvertire qualcuno perche’ lo aiutasse. E’ stato proprio l’allarme lanciato dalla donna a fare scattare la macchina dei soccorsi. Giunti sul posto, pero’, vigili del fuoco e carabinieri non hanno trovato alcuna traccia di Tommaso. Successivamente sul luogo della scomparsa sono arrivati anche alcuni volontari, ma le ricerche, riprese stamattina ed andate avanti per tutta la giornata, non hanno dato alcun esito. Sul ponte dal quale sarebbe precipitato Tommaso sono stati trovati un orologio, una scarpa e un telefonino appartenenti al giovane. Non si esclude che il disoccupato, cadendo dal ponte, sia finito nel fiume, le cui acque a causa delle forti piogge degli ultimi giorni sono ingrossate, e che sia stato trascinato via. I familiari e gli amici di Tommaso, comunque, non credono che il giovane si sia suicidato. ”Era un ragazzo pieno di vita – dice un amico – con i problemi di tutti i giovani d’oggi. Ma da qui a pensare che si sia suicidato ne passa”. A Gimigliano c’e’ sconcerto per la scomparsa di Tommaso. La famiglia del giovane e’ conosciuta da tutti. Il padre del giovane ha lavorato come infermiere in una casa di cura privata ed oggi e’ pensionato, mentre la madre e’ una casalinga. I due hanno un altro figlio, piu’ piccolo rispetto a Tommaso.