Catania, frode agroalimentare. Scoperti falsi pistacchi e arance

Nel corso di controlli da parte del Nucleo antifrode dei carabinieri è stato scoperto l’utilizzo improprio dei marchi Dop/Igp “Pistacchio verde di Bronte” e “Arancia rossa di Sicilia” in provincia di Catania. Scoperte simili sono avvenute anche nei pressi di Treviso, dove sono stati riscontrati falsi “pomodori di Pachino”. Secondo il presidente e il direttore della Coldiretti siciliana, Alessandro Chiarelli e Giuseppe Campione,combattere la contraffazione alimentare significa tutelare i produttori e i consumatori contro chi specula sul reddito e sulla salute. Gli investimenti degli imprenditori agricoli e le politiche regionali si basano proprio sul riconoscimento comunitario dei prodotti -aggiungono- quindi tutte le operazioni di controllo da parte delle forze dell’ordine, a cui va il nostro plauso, vanno incentivate. La contraffazione e’ un reato che colpisce una categoria, quella degli imprenditori agricoli, determinante per tutta l’economia siciliana“.