Catania, a teatro Giovanna D’Arco al rogo

Giovedì e venerdì prossimi andrà in scena, al Bellini di Catania, Giovanna d’arco al rogo, oratorio drammatico in un prologo e 11 scene per recitanti, soli, coro e orchestra su testo di Paul Claudel, musica di Arthur Honegger. Sul podio, il maestro Will Humburg, che dirigera’ l’orchestra stabile del teatro. Nel cast, l’attrice Lina Sastri, che vestira’ i panni dell’eroina francese, gli attori Piero Sammataro e Agostino Zumbo, i cantanti Graziella Alessi, Ines Krome, Loredana Megna, Michele Mauro, Maurizio Muscolino, le voci bianche di Sandra Liurno e Samuele Cozzubbo. Maestro del coro Tiziana Carlini, maestro del coro di voci bianche Gaudeamus igitur concentus, Elisa Poidomani.
Tale rappresentazione, in forma di oratorio, rappresenta una rarità per gli spettatori catanesi. Se facciamo un passo indietro scopriamo infatti che Giovanna D’Arco al rogo ha un solo precedente al ‘Bellini’ che risale al lontano 1960. Eseguito per la prima volta l’11 maggio del 1938 a Basilea, l’oratorio Giovanna d’arco al rogo e’ la sintesi della volonta’ di tre protagonisti della cultura europea dell’epoca come l’attrice Ida Rubinstein, il compositore Arthur Honegger e il poeta Paul Claudel. Il risultato e’ un lavoro complesso, di forte impatto, d’ intensa emozione, che racconta le ultime ore di Giovanna d’Arco prima di essere bruciata viva.