Calabria: il presidente Talarico riceve il Ministro della Georgia

“Individuare insieme forme di collaborazione avviando intense relazioni di scambio e cooperazione soprattutto sul versante produttivo e culturale”.
Questi i temi al centro dell’incontro ufficiale a Palazzo Campanella, tra il Ministro della Diaspora dello Stato della Georgia, Mirza Papuna Davitaia ed il Presidente del Consiglio regionale della Calabria Francesco Talarico.
Accompagnato da una delegazione, composta dal Console presso l’Ambasciata Georgiana in Italia, Vaktang Andguladze, e dalla rappresentante della Camera di Commercio ed Industria Nino Maziashvili, il Ministro dello Stato georgiano si è diffusamente soffermato sulle ipotesi di collaborazione fra il suo Paese e la Calabria, puntando su contatti diretti con le Istituzioni territoriali.
“Rinsaldiamo oggi il legame con la comunità georgiana presente nella nostra regione con una folta rappresentanza, specie nella provincia di Reggio dove è attiva un’associazione che raggruppa i ‘Georgiani in Calabria’. Non possiamo dimenticare inoltre che la città dello Stretto e la Georgia sono accomunate dallo stesso Santo Protettore San Giorgio” – ha detto il Presidente Francesco Talarico.
“E’ nostro progetto – ha aggiunto – intensificare la già consolidata tradizione di scambi commerciali, innestando nuove relazioni economiche e produttive con il Paese del Mar Nero. Attraversiamo in Italia una fase congiunturale difficile ed il sostegno alle imprese e alla produttività è la partita più importante che dobbiamo assolutamente vincere. Sono certo che da questa collaborazione con la Georgia possano giungere idee e progetti per uno slancio del sistema economico dei due Paesi”.
“Sono qui per incontrare gli emigrati georgiani”, ha spiegato il Ministro Davitaia. “Lo Stato della Georgia – ha proseguito – è da tempo impegnato in un complesso processo di riforme istituzionali. La Georgia è orientata ormai ad inserirsi definitivamente nella comunità internazionale e punta a far parte a pieno titolo dell’Alleanza Atlantica, con la quale sono in fase di avanzato avvio una serie di specifiche misure”.
All’incontro che si è svolto nello studio del Presidente Francesco Talarico ha partecipato anche il segretario-questore, Giovanni Nucera.
Affascinato dallo splendido panorama dello Stretto che si può ammirare dallo studio del Presidente Talarico, il Ministro ha voluto sapere dove si trovasse precisamente il Vulcano Etna che solitamente si staglia inconfondibile mentre oggi era nascosto dalle nuvole”.