Avvistata a Capo d’Orlando la donna scomparsa a Milano

Si sarebbe allontanata di sua volonta’ Loretta Mansueto, la donna di 38 anni scomparsa da casa nel milanese l’11 aprile, alcuni giorni dopo aver ricevuto l’anello di fidanzamento dal suo convivente. Ne sono certi i carabinieri che hanno interrotto le ricerche dopo aver riscontrato il fondamento di alcuni avvistamenti della donna in Sicilia. In particolare Loretta e’ stata notata da alcuni testimoni nei pressi della stazione ferroviaria di Capo d’Orlando, in Sicilia, venerdi’ 13 aprile, mentre gettava per strada il portafogli con i documenti, ritrovati successivamente in un’altra. Secondo i carabinieri Loretta Mansueto, 38 anni, scomparsa da Rozzano (Milano) l’11 aprile scorso dopo aver ricevuto l’anello di fidanzamento dal compagno, non sarebbe stata rapita ma si sarebbe allontanata volontariamente. Per gli inquirenti non ci sarebbero dubbi sull’identita’ della persona vista in Sicilia, perche’ abiti e la borsa indossati al momento erano quelli della donna. Cade, a questo punto, l’ipotesi del rapimento formulata dalla madre, Bruna Romagnoli. Resta da capire perche’ la donna abbia deciso di partire per la Sicilia senza avvertire nessuno e di abbandonare i documenti proprio nel paese dove ha trascorso le vacanze con il compagno, Antonio Triscari, che a venti chilometri da li’ ha diversi parenti.