Asp Catanzaro: prevenzione dei tumori nel comune di San Mango d’Aquino

La cittadinanza di San Mango d’Aquino ha risposto con entusiasmo all’invito alla prevenzione. In tanti hanno infatti partecipato all’iniziativa condotta in tandem dal Centro Screening dell’ASP di Catanzaro e dall’associazione “Giovani…ripartiamo dal Sud”. Il presidente dell’associazione, Carmine Mendicino, ha mobilitato i soci e i volontari per distribuire alla popolazione di San Mago d’Aquino lettere di invito per test gratuiti per la prevenzione dei tumori. Ed all’iniziativa hanno aderito più di 50 persone.
Durante tutta la mattinata di sabato tre ostetriche del Distretto numero 2 (Domenica Fera, Anna Maria Formica e Maria Trovato) hanno effettuato il Pap test gratuito per le signore che sono accorse numerose. Era presente il ginecologo che opera al Centro Screening, il Dott. Nicola Cinque, che ha supervisionato le attività nell’ambulatorio appositamente allestito nella struttura dell’ex Asilo in località Piano.
Nel locale adiacente la Dott.ssa Maria Paola Montesi, responsabile del Centro Screening, ha accolto le persone (uomini e donne dai 50 ai 69 anni di età) a cui è destinato il programma di prevenzione del cancro del colon-retto. Le persone hanno ricevuto il materiale necessario e le relative spiegazioni per il test gratuito per la ricerca del sangue occulto fecale: raccoglieranno il campione di feci a casa propria, per riconsegnarlo la mattina del 9 maggio al Municipio. L’Associazione “Giovani…ripartiamo dal Sud” e il personale messo a disposizione dal sindaco cureranno il trasporto dei campioni raccolti fino al Laboratorio di riferimento presso l’ospedale di Soveria Mannelli.
Coloro che hanno partecipato ai due programmi di prevenzione riceveranno per posta le risposte dei test, se normali; le persone con test positivo saranno contattate per ulteriori accertamenti, pure gratuiti.
La prevenzione “a casa” è stata molto gradita dalla popolazione ed è stata possibile grazie alla collaborazione del Comune di San Mango, alla disponibilità del personale del distretto e del Centro Screening e al dinamismo del presidente e dei soci dell’associazione “Giovani…ripartiamo dal Sud” che ha svolto anche una martellante campagna di sensibilizzazione. “Chi non ha aderito alla prevenzione del tumore dell’intestino – ha spiegato la dottoressa Montesi – ha ancora tempo per farlo: fino al giorno 8 maggio “Giovani…ripartiamo dal Sud” distribuisce gratuitamente il kit necessario alle persone aventi diritto. Le signore che non hanno potuto aderire all’invito per il Pap test gratuito possono comunque usufruirne presso il Poliambulatorio di Nocera Terinese, senza limiti di tempo”.
“Un appuntamento a cui non mancare – ha affermato il direttore generale dell’Asp Dott. Prof. Gerardo Mancuso – perché l’individuazione e il trattamento precoce sono l’arma vincente per sconfiggere i tumori. Un programma di screening è il modo per individuare, in una popolazione sana, chi può avere bisogno di interventi terapeutici precoci (più efficaci e meno invasivi) per preservare o migliorare il suo stato di salute. I dati di ritorno, da quando è stato avviato l’attività di screening sono più che soddisfacenti. Lo screening utilizza test diagnostici semplici, sicuri e poco invasivi per diagnosticare, prima che compaiano i sintomi, alcune malattie per le quali è disponibile una terapia, tanto più efficace quanto prima viene effettuata. Gli screening oncologici rientrano nei Livelli essenziali di assistenza e prevedono l’invito periodico di tutta la popolazione avente diritto”.