Seduta di rimbalzo, soprattutto per Milano

Ultima seduta d’ottava che si conclude positivamente, soprattutto per la piazza meneghina, che recupera così parte delle perdite accumulate alla vigilia. Milano termina la giornata con un buon rialzo pari a +1.07%, decisamente la miglior piazza europea; grazie a questa buona seduta il bilancio settimanale termina solo leggermente in territorio negativo (-0.36%). Giornata che nonostante la positività non ha offerto grandi spunti operativi, dopo un partenza in gap up velocemente richiuso dai ribassisti la seduta si è mantenuta piuttosto congestionata in area 16400-16500.

Le altre borse europee: Dopo Milano troviamo Francoforte, anch’essa registra un buon rialzo pari allo 0.81%, Parigi (+0.57%), mentre in controtendenza ancora una volta Londra che cede lo 0.05%. Seduta non particolarmente direzionale a Wall Strett che termina comunque anche venerdì in leggero rialzo: S&P500 (+0.17%), Nasdaq (+0.23%) chiude viceversa praticamente invariato il listino che comprende i trenta titoli a maggior capitalizzazione DJ (-0.01%).

Tornando a Milano la maglia rosa di giornata senza dubbio va assegnata a Telecom Italia che registra un rialzo di quasi sette punti percentuali (+6.84%), dopo che la società ha rilasciato i conti del 2011 nonostante un taglio del dividendo i mercati hanno premiato l’aumento dei ricavi e dell’ebitda. A Comportarsi bene venerdì è stato tutto il comparto bancario: la migliore si è rivelata Intesa con un rialzo di quasi tre punti (+2.90%); a seguire Mediobanca (+2.35%), Unicredit (+2.20%), Ubi Banca (+2.17%), Banca Popolare di Milano (+2.01%), Banca MPS (+1.55%), Bper (+0.90%) ed infine Banco Popolare (+0.85%). Buona seduta anche per Mediaset (+1.99%) E Buzzi Unicem (+1.81%) entrambi i titoli reduci da sedute piuttosto difficili.

Tra i titoli in rosso troviamo Generali (-0.73%), Salvatore Ferragamo (-0.63%) e Luxottica (-0.62%). La peggiore è però risultata Tenaris (-1.62%) titolo che è stato respinto con forza dopo aver testato già alla vigilia la resistenza passante in area 16€.

Per la giornata odierna, come accade quasi ogni lunedì, non sono previsti dati macroeconomici di grande rilievo: l’unico dato di una certa rilevanza sarà diffuso alle ore 16.00 e riguarderà le vendite di case esistenti, previste in decisa crescita a +1.1% rispetto alla rilevazione precendente negativa (-3.5%).

Ultima seduta d’ottava ancora positiva per lo S&P500 che registra un +0.17%. Dopo una prima parte di giornata positiva abbiamo assistito ad uno storno durante le ultime due ore di contrattazioni che ha fatto terminare la giornata per il future americano in area 1363 punti. Per le prossime ore possiamo attenderci un tentativo, da parte del future americano, di leggero rimbalzo ma la tendenza è destinata ad essere negativa e condurrà con elevata probabilità lo S&P500 al raggiungimento di area 1348-1347. Una negazione dello scenario sopra descritto e un nuovo segnale long verrà fornito solo in caso di superamento della resistenza passante a 1367 punti che consentirebbe la definizione di nuovi massimi di periodo.

Marco Dall’Ava

www.xtb.it