Provincia di Reggio: per strade dissestate necessari 1,5 mln di euro

Il Presidente della Provincia di Reggio Calabria, Giuseppe Raffa, ha coordinato una riunione operativa con i tecnici del Settore ”13 Viabilita’ e Trasporti” dell’Ente di via Foti e della Global Service ( impegnata nella manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade) per affrontare la problematica della viabilita’ provinciale, che ha subito gravi danni degli eventi alluvionali del 21 e 22 febbraio scorsi. Al vertice hanno parte il dirigente di Settore, Domenica Catalfamo, e il Direttore generale, Antonino Minicuci. Dopo le forti precipitazioni atmosferiche, nonostante gli interventi sin qui sostenuti, numerose strade risultano interrotte e quelle aperte alla circolazione hanno bisogno di ulteriori lavori indispensabili per garantire il transito in sicurezza. Nello specifico, 9 strade provinciali risultano interrotte al transito e una ventina di comuni interessati da seri fenomeni di dissesto con situazioni di pericolo in continua evoluzione. Il censimento effettuato da dipendenti dei servizi tecnici della Provincia, oltre alle strade che interessano i cosiddetto territorio ”Centro” ( da Reggio a Melito sulla Ionica e da Reggio e Bagnara sul versante tirrenico) ha accertato che i danni hanno riguardato anche la SP 7: Laganadi – S. Alessio – Santo Stefano; la SP 3: Bagaladi – Gambarie Delianova; la S.P. 21: Motta San Giovanni; la S.P. 24: Bova Marina – Bova; S.P. 64. Palizzi Marina – Palizzi Superiore – Pietrapennata; S.P. 19: Bagnara – Ponte Cavala – Solano; S.P. 23: San Lorenzo Roccaforte. Per il ripristino e la messa in sicurezza di tutte le arterie danneggiate dagli eventi calamitosi, secondo le stime, occorre un finanziamento di 1,5 milioni di euro. Al termine dei lavori e’ stato deciso di chiedere lo stato di calamita’ dei luoghi rimasti danneggiati e di avviare le procedure per il reperimento di fondi che non si esclude possa avvenire attraverso l’accensione di mutui. Il presidente Giuseppe Raffa, che ha chiesto dettagliate notizie sulla situazione relativa ai vari comuni che hanno subito danni, ha poi preso in esame il potenziamento delle strutture tecniche dell’Ente.