‘Ndrangheta, operazione “Affari di famiglia”: a Reggio sequestrati beni dal valore di 20 milioni di euro alle cosche Ficara-Latella e Iamonte

Si erano infiltrate nell’appalto per i lavori di ammodernamento e messa in sicurezza della Statale 106, nel tratto compreso tra Reggio Calabria e Melito Porto Salvo, imponendo la fornitura di beni e servizi, le cosche Ficara-Latella di Reggio e Iamonte di Melito, colpite stamani dall’operazione condotta dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio che hanno sottoposto a fermo cinque presunti affiliati. Le due cosche, secondo quanto emerso dalle indagini della Dda, avevano chiesto una mazzetta del 4% all’impresa che aveva vinto l’appalto, ognuna per il tratto ricadente sul territorio di ”loro” competenza, ma invece di prendere il denaro avevano imposto la fornitura dei servizi. Contestualmente all’esecuzione dei fermi, i carabinieri stanno sequestrando beni per un valore di circa 20 milioni di euro ritenuti patrimonio delle cosche Ficara-Latella e Iamonte.