Malasanità in Calabria, appello della Cgil a Balduzzi: “in Calabria raggiunta soglia d’allarme”

La Cgil Calabria, in una lettera aperta indirizzata al Ministro della Salute, Renato Balduzzi, segnala le criticita’ del sistema sanitario regionale. “L’emorragia di casi di malasanita’ unita alla precarieta’ in cui vengono erogati i Livelli Essenziali di Assistenza e all’incertezza che vive l’intero comparto lavorativo, rappresentano per la Cgil – si legge - una soglia di allarme da affrontare con misure tempestive e cogenti. L’azione intrapresa dal commissario ad acta anziche’ rimuovere ritardi e arretratezze del sistema, risulta accentuarle. Molte strutture sanitarie rischiano di implodere per l’assenza di personale e per il sovraccarico di lavoro dovuto alla disattivazione di importanti presidi pubblici svuotati di funzione senza aver predisposto nella contestualita’ adeguati servizi alternativi. La rete ospedaliera – continua la nota – e’ caratterizzata da nuovi e gravi squilibri territoriali e nel rapporto pubblico-privato; nelle aree di confine la mobilita’ attiva si trasforma in un singolare esodo extraregionale a carico del SSR e con gravi disagi per i cittadini. Dell’avvio dei lavori dei nuovi Ospedali si e’ persa ogni traccia. Manca contezza analitica del stato debitorio ed e’ raro il ricorso alla stazione unica appaltante per gare centralizzate per la fornitura di beni e servizi“. “La ‘ndrangheta – si legge ancora – usa le strutture sanitarie per alimentare affari e per sfuggire alla latitanza. Delle case della salute e degli ospedali di territorio ancora si studia quale modello adottare. Della Fondazione Campanella da mesi si annaspa in provvedimenti salvifici prontamente bocciati al tavolo Massicci. Manca ogni forma di integrazione socio- sanitaria e di certezza dei percorsi di cura. La malattia, in assenza delle adeguate amicizie, visti i tempi di attesa, per molti cittadini – scrive la Cgile’ un vero calvario a cui riesce a sfuggire chi economicamente puo’ disporre di servizi a pagamento. Questo stato di emergenza scaricata sulle spalle dei cittadini va presto superato. La presenza sollecitata del Ministro Balduzzi puo’ essere di grande aiuto per aprire una fase di responsabile confronto democratico e per superare i limiti e le criticita’ dentro cui rischia di restare irreversibilmente impaludata la sanita’ regionale. Inoltre, – continua la Cgilla presenza del Ministro potrebbe essere utile per rappresentare al meglio la condizione di divario socio-economico della Calabria dove i tagli compiuti alla spesa sociale e sanitaria dalle manovre-Tremonti, unite al blocco del turnover e dei trasferimenti ed alla iniquita’ dei criteri di riparto del fondo sanitario nazionale e dei ticket, rischiano di appesantire la sostenibilita’ dell’azione di risanamento e di riqualificazione del Sistema“.