La Fiamma reggina invitata al Parlamento Europeo da Nigel Farage (UKIP)

Nei giorni scorsi il MSI-Fiamma Tricolore di Reggio Calabria, tramite il suo segretario amministrativo e responsabile Politiche Comunitarie Luca Violi, ha scritto all’On. Nigel Farage, europarlamentare inglese leader del partito UKIP, per ringraziarlo a nome di tutta la Federazione per l’ostentata difesa posta in essere nei mesi scorsi al Parlamento Europeo nei confronti del nostro paese.

La nostra Federazione ha espresso la propria solidarietà a Farage per il totale oscuramento mediatico di cui è stato protagonista in Italia.

Farage è da anni infatti impegnato nella difesa delle sovranità nazionali dei paesi europei e nei mesi scorsi è giunto alla ribalta del grande pubblico tramite i video dei suoi interventi pubblicati su youtube ed ovviamente censurati dalle tv e media italiani.

Farage in sostanza ha accusato la Commissione Europea e la Banca Centrale senza mezzi termini, dichiarandoli di fatto colpevoli dei governi instaurati in Grecia ed in Italia in modo assolutamente antidemocratico con la regia occulta di Francia e Germania.  Ha ancor sì accusato la Commissione ed il suo presidente Van Rompuy di essere un organo fantoccio in quanto mai eletto dal popolo per rappresentare l’Unione Europea.

Ai ragazzi della Fiamma Tricolore di Reggio Calabria,

 Gentili signori, vi ringrazio per il vostro sostegno ed incoraggiamento e auguro anche  a voi buona fortuna nella battaglia per la democrazia laddove questa è più in pericolo nelle zone a voi vicine.

Una grave emergenza sta prendendo piede nell’opinione pubblica e riguarda le intenzioni totalitarie dell’èlite che governa l’Unione Europea. Fino a quando tale pericolo non diventerà evidente al grande pubblico nella misura in cui in effetti è, non vi sarà stimolo da parte della gente ad interessarsi della politica dell’Unione e dei suoi organi.

Ma quello stimolo sta ormai arrivando ed in modo molto doloroso.

Tutti i Governi dei paesi dell’Unione Europea si sono arresi e hanno surrogato le proprie competenze fiscali ad una NON-eletta Commissione Europea; I governi in Grecia ed in Italia sono stati pubblicamente dimissionati e rimpiazzati con “impiegati” dell’Unione Europea. Un’alleanza Franco-tedesca ha preso il controllo dell’Eurozona e il potere decisionale dell’Ue sta prendendo piede sempre più rapidamente. Non è oltremodo possibile ignorare la dittatura che si sta affermando e c’è la necessità di opporsi ad essa!

Ciò di cui abbiamo oggi bisogno in ogni nazione facente parte dell’Unione Europea, e anzi in ogni paese del mondo, è  di organizzarsi ovunque contro il potere della cricca di Brussels ed i suoi sostenitori sovranazionali. Sfortunatamente io possiedo a stento i mezzi e le risorse per organizzare una simile struttura in Gran Bretagna. In ogni caso, il movimento si sta risvegliando dovunque ed io spero che anche voi possiate trovare un modo per organizzarvi ovunque vi troviate.