Sciopero tir: Forconi e Forza d’urto decidono espulsione Morsello

Il movimento dei Forconi e il Comitato Forza D’Urto hanno espulso il responsabile provinciale di Trapani, Martino Morsello, perche’ ha tentato, tramite ‘Forza Nuova’, di strumentalizzare la protesta. La notizia e’ stata diffusa dal coordinatore regionale Mariano Ferro, nel corso di un incontro svoltosi con i giornalisti, a Pian del Lago, a Caltanissetta. “Da questo momento in poi, per il bene dei siciliani – ha dichiarato Ferro -, ‘Forza d’Urto’ si spendera’ per ricompattare la frattura, con calma e razionalita’. Non se ne puo’ di sentir parlare di due coordinatori regionali – ha aggiunto - bisogna fare chiarezza. Stiamo portando avanti una battaglia per il bene del popolo siciliano. Solo oggi, che i blocchi sono in atto in tutta la penisola, si stanno accorgendo della nostra presenza. Tutti i ministeri sono allertati. Mercoledi’ mattina invaderemo Palermo mentre i nostri novanta deputati dovranno andare a Roma. Fino a quando non vedremo scritto nero su bianco, con la necessaria dotazione finanziaria, quelle che sono le nostre richieste, la nostra battaglia continuera’. I presidi proseguiranno, ma non vogliamo creare disagi ai cittadini come non vogliamo innescare una guerra fra poveri. I presidi rappresentano una fiammella che rimane accesa per dire che questa guerra non e’ finita. Stiamo scrivendo una pagina storica per la nostra Sicilia. Rivendichiamo l’applicazione dello Statuto Siciliano, quindi defiscalizzazione dei carburanti, distribuzione dei fondi comunitari, basta con le vessazioni da parte della Serit“. Ferro ha anche replicato alle accuse mosse dal presidente di Confindustria, Ivan Lo Bello. “Se Lo Bello ritiene che all’interno del nostro movimento vi siano dei mafiosi, lo prego di recarsi in Procura e di fare nomi e cognomi“. Ferro ha anche riferito che da ora in poi i portavoce del movimento saranno lui e Giuseppe Scarlata.