Sciopero tir, Confagricoltura: “conseguenze preoccupanti”

Lo sciopero degli autotrasportatori sta destando allarme tra i produttori di latte calabresi. ”Il blocco delle vie di comunicazione – commenta il Presidente di Confagricoltura Calabria, Alberto Stattiavra’ pesanti ripercussioni sulle aziende produttrici di latte che, oltre a non poter conferire il prodotto, saranno costrette comunque ad effettuare le ordinarie operazioni di mungitura e distruggere la produzione’‘. Il Presidente degli imprenditori agricoli calabresi, ricorda che ”il latte rappresenta un bene di prima necessita’, per cui la raccolta e la distribuzione non deve essere interrotta”. Statti, informando il Prefetto di Catanzaro della problematica, si affida al ”senso di responsabilita’ dei manifestanti affinche’ venga assicurata la libera circolazione delle cisterne di raccolta e di distribuzione del latte fresco”. ”La questione del caro-carburante e dei prodotti correlati – conclude il Presidente Stattiinteressa tantissimo anche il settore primario, infatti nell’ultimo anno i prezzi dei carburanti, dei concimi, dei fitofarmaci e della plastica, che sono fattori della produzione, sono lievitati in modo insostenibile, azzerando cosi’ i gia’ esigui margini di redditivita’. Auspichiamo pertanto, una soluzione rapida del problema per ridare ai settori produttivi calabresi la possibilita’ di affrontare le grandi sfide dei mercati a far ritornare ad essere competitive le nostre produzioni”.