Ponte sullo Stretto, deputati Pd: “governo usi soldi per infrastrutture area stretto”

Il governo nazionale utilizzi le risorse gia’ destinate al Ponte sullo Stretto per realizzare le opere infrastrutturali necessarie in Calabria ed in Sicilia per ammodernare il sistema dei trasporti e rendere piu’ efficiente, nel rispetto della sostenibilita’ ambientale, il collegamento tra le due regioni”. Lo prevede un ordine del giorno presentato all’Assemblea regionale siciliana da Filippo Panarello e sottoscritto dai deputati del Pd Franco Rinaldi, Giuseppe Laccoto e Giuseppe Picciolo. ”Dopo la decisione dell’Unione Europea di non considerare il Ponte tra le opere di prioritario interesse comunitario – aggiungono i deputati del Pd – il ministro per le Infrastrutture sembrerebbe orientato ad utilizzare le risorse per realizzare opere pubbliche prevalentemente allocate nel centro-nord dell’Italia. La Sicilia e la Calabria, ed in particolare l’area dello Stretto e la provincia di Messina – proseguono -, sono fortemente deficitarie dal punto di vista infrastrutturale. Inoltre la provincia di Messina e’ colpita da allarmanti fenomeni di dissesto idrogeologico“. “Il sistema dei collegamenti marittimi, ferroviari e stradali tra la Sicilia ed il continente – dicono ancora i democratici -, da decenni abbandonato anche in ragione dell’ipotesi del Ponte, ha bisogno di interventi infrastrutturali significativi: per questo – concludono Panarello, Rinaldi, Laccoto e Picciolo – chiediamo di utilizzare le somme inizialmente destinate al Ponte per il potenziamento del sistema infrastrutturale siciliano, che e’ decisivo per sviluppare l’economia e creare nuova occupazione”.