Liberalizzazioni, Matteoli critico: “non capisco la cancellazione del Ponte sullo Stretto”

Perplesso e preoccupato”. Cosi’ si dice, in merito al decreto liberalizzazioni, il senatore del Pdl Altero Matteoli, gia’ ministro nel governo Berlusconi, fortemente critico sulla cancellazione del progetto del Ponte sullo Stretto.

Ci pare che vengano penalizzate fortemente alcune categorie produttive, taluni servizi e professionisti mentre altri settori non vengono sfiorati, vedi le banche, il tutto senza chiari benefici per gli utenti, come il caso abbastanza evidente delle farmacie dimostra” osserva Matteoli.

Sul versante delle infrastrutture e dei trasporti, continua, ”registriamo negativamente il rinvio della nascita dell’Agenzia per le infrastrutture e la sostanziale cancellazione del Ponte sullo Stretto di Messina, per cui il Cipe ha deliberato il definanziamento, una decisione di chiaro segno politico contrario rispetto ai programmi del governo di centrodestra presentati ed approvati dagli elettori. Una decisione quindi inaccettabile”. Senza ”modifiche sostanziali del dl in Parlamento – conclude – non pensiamo lo stesso possa essere approvato”.