Crotone, 19enne morta dopo parto cesareo. Orlando chiede una relazione al governatore Scopelliti

Jessica Rita Spina, la 19enne morta oggi a Crotone dopo un parto cesareo

Ancora una volta ci troviamo di fronte ad un parto finito in tragedia. Episodi drammatici come questo, ci ricordano che e’ necessario chiarire se vi siano state eventuali responsabilita’ personali, ma anche analizzare le possibili criticita’ che ne hanno favorito il verificarsi. Senza pregiudizio per le indagini in corso, abbiamo pertanto chiesto al Presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti, una dettagliata relazione sul caso”. Lo ha sostenuto il presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori sanitari e i disavanzi sanitari regionali, Leoluca Orlando, in merito al decesso di Rita Spina, una ragazza di 19 anni morta dopo un parto cesareo. ”La relazione sui punti nascita elaborata ed approvata dalla Commissione che presiedo – ha aggiunto – ha indicato criticita’ e possibili anomalie che possono concorrere, in alcuni casi, a trasformare il momento della nascita in tragedia, come e’ accaduto e accade tuttora, in particolare in alcune regioni. Molto c’e’ da fare ancora in questa direzione e l’indagine condotta dalla Commissione, in collaborazione con le societa’ scientifiche di ostetricia e ginecologia, ha mostrato in modo organico e dettagliato la situazione dei punti nascita italiani, non limitandosi ad analizzare il singolo presunto caso di malasanita’, ma conducendo un’analisi delle cause degli episodi critici registrati”. ”Solo rivisitando qualitativamente e quantitativamente i punti nascita penalizzanti – ha concluso Orlandopossiamo pensare di garantire standard uniformi. Questo lavoro non e’ punto d’arrivo ma di partenza, affinche’ si continui a monitorare il tema e si offra qualificata assistenza a mamme e bambini”.