Messina. Una provincia sconvolta

Sono ore di dolore e sgomento quelle che i cittadini messinesi stanno vivendo. Nessuno poteva apettarsi, ieri sera, dopo una giornata di pioggia così intensa, che il peggio dovesse ancora arrivare.

Purtroppo, il peggio è arrivato con tutta la sua violenza, senza pietà. Tre le vittime di questa tremenda alluvione che ha squarciato il paese di Scarcelli, Saponara, lasciando solo fango e macerie.

Una pioggia incontenibile, danni enormi nella provincia di Messina. La rete pullula di filmati e foto che testimoniano gli attimi agghiaccianti vissuti a Barcellona, Milazzo, Archi, Giammoro, Saponara, Scarcelli.

Oggi indubbiamente se ne parla più di ieri, oggi le tv nazionali sono presenti sul territorio. Le polemiche, come sempre, sono tante.

Di fronte a questo senso di impotenza che ci pervade, forse dovremmo interrogarci su cosa è stato, su cosa ancora non è cambiato tanto da far piombare la Sicilia nuovamente nel terrore, nella distruzione.

In queste ore, oltre ai militari e ai vigili del fuoco presenti sul posto, si stanno mobilitando tanti volontari, che si danno appuntamento anche in rete, che preferiscono agire invece di restare fermi a rimuginare sull’accaduto.

La speranza è che dopo queste ore davvero sconvolgenti, l’impegno sia maggiore da parte di tutti, per assicurare alla Sicilia un futuro migliore. Ed è un obiettivo che si può raggiungere giorno per giorno, con il rispetto per la propria terra.

Seguite tutti gli aggiornamenti su www.meteoweb.eu e inviate le vostre segnalazioni e le vostre foto e video all’indirizzo redazione@meteoweb.it

L’emergenza maltempo per il Sud, purtroppo, non si è ancora placata.