La FED rinvigorisce i mercati

Dopo l’annuncio del taglio delle riserve obbligatorie  per le  banche di 0.5% fatta dalla Cina i mercati sembrano correre sulle ali dell’entusiasmo( la convinzione e’ che ci possa essere una maggiore capacita’ di credito verso le imprese)  con Milano che in questo momento ha rotto la soglia di 15.000 e mostra un +3,9 % con le banche principali protagoniste del listino milanese.Sotto l’impulso di un accordo piu’ vicino verso gli Eurobond e la  mossa a sorpresa effettuata dalla Fed in concerto con le altre banche centrali (riduzione degli swap point per l’acquisto di dollari) hanno dando vita a una momento di euforia sui mercati che finalmente sembrano vedere uno spiraglio per l’aumento del credito delle banche nei confronti delle imprese ed un conseguente aumento degli investimenti che porterebbe ad una spirale di crescita che coinvolgerebbe anche il mercato del lavoro e relativo aumento dei consumi. Ancora una volta Bernake e’ riuscito a sorprendere tutti coordinando in modo risolutivo tutte le maggiori banche centrali e fornendo un punto di svolta nei confronti della spesso criticata staticita’ della BCE tagliando di 50 b.p. il costo del dollaro americano, questa mossa e’ stata messa a punto viste le crescenti preoccupazioni americane nei confronti di un Europa che sarebbe in grado di rallentare l’intera economia globale con pesanti conseguenze per gli stessi Stati Uniti in modo da facilitare l’accesso al credito per la banche Europee (le uniche ,secondo il documento rilasciato,a richiedere dollari)

Alla notizia abbiamo visto volare l’euro nei confronti del dollaro e toccare quota 1,35

 

Giuseppe Geresia

X-Trade Brokers Italia