Giadini Naxos: presentata la Settimana Sportiva dell’Unità d’Italia

E’ stata presentata ufficialmente oggi, durante una conferenza stampa, svoltasi a Giardini di Naxos (Messina), la “Settimana Sportiva dell’Unita’ d’Italia”, un’iniziativa in cui la Regione Sicilia e Allenza Sportiva Italiana festeggeranno insieme i 150 anni dell’Unità d’Italia all’insegna del puro spirito sportivo. La presentazione ha visto gli interventi di Daniele Tranchida, assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, Claudio Barbaro, presidente di Alleanza sportiva italiana, e Carmelo Currenti, vicesindaco di Giardini Naxos e assessore al Turismo e allo Spettacolo; l’apertura “dei giochi” è stata affidata a Claudio Barbaro il quale ha dichiarato che la settimana sportiva potrà rappresentare un’ottima occasione per parlare della visione dello sport nel nostro Paese e del suo ruolo nell’educazione dei giovani, nel settore del turismo, nello sviluppo economico e soprattutto nell’ambito della coesione sociale. L’assessore Tranchida a proposito ha affermato che “lo sport è elemento fondamentale a livello formativo, pedagogico e culturale. Lo sport è una componente importante per la destagionalizzazione dei flussi turistici e anche di promozione sociale”. Ha fatto poi da eco il vicesindaco Currenti aggiungendo: “Lo sport è diventato uno strumento per favorire e incrementare il turismo. Questo evento, organizzato dall’Asi e dalla Regione siciliana, chiude un anno che ha visto una crescita sensibile del turismo in tutta la regione e anche nel territorio di Giardini Naxos, che ha contribuito in modo sostanziale al rilancio economico, culturale e dell’immagine della Sicilia”.

La Settimana Sportiva prevede, all’interno del suo programma, Sport Lab Sicilia, evento centrale del calendario settimanale; vero e proprio laboratorio per provare nuove formule sportive, nonché  momento di partecipazione pubblica e attiva che coinvolgerà i grandi campioni che fanno parte della storia sportiva italiana.

La Regione Sicilia cerca di configurarsi sempre più come territorio di promozione culturale e di sperimentazione di eventi che hanno come obiettivo il coinvolgimento dei giovani in primis, ma non in secondo luogo anche dei cittadini: una cittadinanza attiva è, forse, una cittadinanza più consapevole. Non sono mancati negli ultimi anni progetti di tipo sportivo all’interno del perimetro siciliano, volti a ampliare  il panorama delle rassegne sportive internazionali e a porsi in maniera fissa nell’agenda del governo.

“Quest’anno ben 37 manifestazioni, sulle 130 di grande richiamo turistico inserite in cartellone e promosse dalla Regione siciliana, sono state di carattere sportivo e hanno avuto forti ricadute positive sul territorio sia in termini di presenze, sia dal punto di vista economico. Questi eventi hanno peraltro permesso di destagionalizzare e delocalizzare i flussi turistici”, così conclude Tranchida alla luce delle riflessioni fatte in merito all’importanza di iniziative come quella pubblicizzata oggi nella provincia di Messina.